Rischio Elettrico

Marzo 2020

Non è sufficiente che gli impianti siano "a norma" per avere un rischio elettrico trascurabile!

L'energia elettrica è diventata praticamente insostituibile in tutte le attività lavorative, dalle più semplici a quelle più complesse. Trova largo impiego a partire dalla piccola attività di ristorazione o semplice ufficio fino a arrivare a strutture più articolate. Sono sempre più frequenti realtà con impianti di rilevante potenza e complessità, reparti di manutenzione interna, addetti dedicati a ispezioni e controlli, macchinari.

In tale contesto si inserisce il Titolo III Capo III del D. Lgs. 81/2008, che tratta questa tipologia di rischio, imponendo al Datore di Lavoro di valutare tutti i rischi di natura elettrica ai quali i lavoratori sono soggetti e prendere gli opportuni provvedimenti. 

Nell'ambito della valutazione del rischio occorrerà nei casi più semplici considerare la rispondenza alla regola dell'arte di impianti e attrezzature utilizzate, verificare l'espletamento degli adempimenti in ambito elettrico (ad esempio la denuncia dell'impianto di terra) e l'assenza di condizioni di rischio palesi. Qualora la realtà fosse più complessa, con presenza di addetti alla manutenzione, operatori, verificatori, occorrerà inoltre valutare la corretta formazione, informazione e addestramento del personale, le procedure applicate, le attrezzature e i dispositivi di protezione utilizzati.

La gestione del rischio elettrico può essere una cosa abbastanza semplice, ma anche decisamente complessa. Dipende certamente dalle caratteristiche intrinseche nell'attività lavorativa,  ma anche dall'organizzazione che l'azienda decide di impartire.

COSA POSSIAMO FARE

L'attività di supporto offerta da Hoffen Group è  basata sull'esperienza di oltre 15 anni nel settore elettrico. La valutazione del rischio, effettuata secondo quanto previsto dalle linee guida Inail, genera un documento redatto secondo uno standard da noi sviluppato. Le schede di valutazione mettono in condizioni l'azienda di comprendere in maniera rapida e intuitiva la gravità di quanto riscontrato, le misure di miglioramento possibili e la riduzione del rischio conseguente. Possiamo inoltre affiancare l'azienda nella redazione e nell'attuazione del piano di miglioramento, mediante redazione di procedure,  formazione del personale a tutti i livelli  secondo CEI 11-27, dei registri di tracciamento. Nei casi più complessi possiamo arrivare alla verifica di conformità e rilascio della dichiarazione di rispondenza dell'impianto elettrico e implementazione di un vero e proprio sistema di gestione del rischio elettrico.

D.Lgs. 81/2008, Titolo III, Capo III e S.M.I

Articoli correlati

Aprile 2020   -    4 min read

Marzo 2020     -    3 min read

Gennaio 2020    -    1 min read

Rischio Elettrico